Cosa deve sapere un barman

Libera apertura per Bar e Ristoranti

Scritto il 06/08/2012 Nessuna risposta

Segnaliamo questo articolo, di Marilisa Bombi, pubblicato sul quotidiano Italia Oggi il 1 agosto 2012 e riferito al decreto legislativo esaminato il 31/07/2012 dal preconsiglio dei Ministri sulla liberalizzazione dell’apertura di bar e ristoranti, “a meno che il comune non abbia deciso di tutelare una zona del territorio comunale”.

In sintesi, le novità salienti previste dal decreto sono le seguenti:

  • l’apertura di bar e ristoranti ammessa senza limite, ferme restando le prescrizioni urbanistiche. Unica eccezione è se il comune ha delimitato una zona per motivi di interesse pubblico;
  • la possibilità di essere titolari di un esercizio pubblico, anche se sprovvisti della professionalità prescritta e revisione dei requisiti morali;
  • previsione della capacità finanziaria per gli spedizionieri;
  • soppressione dell’albo dei commissionari, mandatari e astatori dei prodotti ortofrutticoli;
  • un nuovo istituto di semplificazione previsto dall’articolo 19 della legge 241/1990, ovvero della segnalazione certificata di inizio attività (Scia) al posto della dichiarazione di inizio attività (Dia).

I contenuti di questo post sono da intendersi come indicazioni di carattere generale. Invitiamo chiunque intenda avviare un’attività commerciale a rivolgersi alle autorità preposte e/o al proprio consulente fiscale.

Dicci cosa ne pensi